RESPINGERE I DIKTAT DELL'UNIONE EUROPEA, CACCIARE IL GOVERNO MONTI!

Scarica il volantino in allegato

Nazionale -

 

L’andamento della discussione in Parlamento, la rigidità con cui i ministri del governo Monti respingono ogni proposta di cambiamento di prospettiva nella definizione della manovra economica, spiegano meglio di tante chiacchiere le vere intenzioni del governo dei banchieri:


PROCEDERE NEL PROGETTO DI SALVARE LE BANCHE E FAR PAGARE LA CRISI AI LAVORATORI.

 

Mentre i leader europei pensano già a come ridisegnare nuovi Trattati che rendano ancora meno sovrani i singoli Stati dell’Eurozona, le previsioni per il futuro dei lavoratori italiani si fanno ogni giorno più nere.

 

Cgil, Cisl e Uil invece di chiamare i lavoratori alla lotta per cacciare questo governo e per l’uscita dall’Unione Europea, indicono scioperi per sostenere la loro richiesta di accreditamento presso il governo che ha proceduto a definire la manovra senza il loro preventivo consenso.

 

Intanto i Padroni, che plaudono alla manovra che non solo non li tocca, ma assegna loro miliardi di euro con la scusa dello sviluppo, sostengono il tentativo di Marchionne di fare da apripista nello smantellamento del contratto nazionale e delle tutele dei lavoratori conquistate con anni di lotte.

 

Noi non ci stiamo!

 

12 dicembreSCIOPERO NAZIONALE DEI LAVORATORI METALMECCANICI

 

15 dicembreMANIFESTAZIONI, PRESIDI, SIT IN, FLASH MOB, NELLE PIAZZE DI TUTTE LE MAGGIORI CITTA’ ITALIANE

 

a GENNAIOSCIOPERO GENERALE

 

PROMOSSO DAL SINDACALISMO CONFLITTUALE, INDIPENDENTE, DI BASE

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni